L’infezione a Herpes zoster (comunemente chiamato anche fuoco di Sant’Antonio) è la conseguenza della riattivazione del virus varicella-zoster (VZV). Chiunque abbia già avuto la varicella può sviluppare un Herpes zoster. Si stima che una persona su quattro, nel corso della sua vita, avrà almeno un episodio di fuoco di Sant’Antonio.

Attaque de zona sur le front et sur l'oeil
Photo: Burntfingers, Licence Creative Commons

La riattivazione del virus è più frequente nelle persone anziane o immunodepresse. La severità dell’Herpes zoster e delle sue complicazioni aumenta nelle persone oltre i 50 anni.

Il fuoco di Sant’Antonio si manifesta sotto forma di eruzione cutanea dolorosa che, dopo qualche giorno secca formando croste che alla fine si staccano. L’eruzione è accompagnata da una forte sensazione di bruciore e/o dolore. Le complicazioni del fuoco di Sant’Antonio in forma acuta, possono essere gravi, in particolare in presenza di infezioni oculari che comportano un rischio di cecità qualora non siano trattate. Settimane o mesi dopo la guarigione dell'eruzione, può insorgere uno stato doloroso cronico. Nel 20% dei malati oltre i 65 anni, questo stato permane per più di 3 mesi (nevralgia post-zosteriana).

In Svizzera, più di 20’000 consultazioni mediche all’anno (la metà della quali da parte di persone di oltre 65 anni) sono legate allo zona.


Per saperne di più :

 Dichiarazioni di casi dei medici di famiglia nel sistema di dichiarazione svizzero Sentinella

 

Vaccino contro l’Herpes zoster

La vaccinazione contro l'herpes zoster richiede la riattivazione dell'immunità indotta dalla varicella.

Questo può essere fatto:

- con un vaccino vivo attenuato contenente dosi molto alte di virus della varicella (Zostavax®, Merck).

- con un nuovo vaccino a subunità adiuvato (glicoproteina gE), (Shingrix®, GlaxoSmithKline)

Il vaccino Shingrix® è stato appena registrato in Svizzera e sarà disponibile sul mercato svizzero all'inizio del 2022. I costi della vaccinazione saranno coperti dall’assicurazione sanitaria di base non appena sarà inclusa nella lista delle specialità. A partire da quel momento, questo vaccino diventerà il vaccino raccomandato per la prevenzione dell'herpes zoster (l'uso del vaccino vivo Zostavax® si applicherà solo alle persone tra i 65 e i 79 anni senza immunodeficienza che preferiscono questo vaccino allo Shingrix® nonostante la sua minore efficacia e il fatto che non è coperto dall'assicurazione di base).

Si raccomanda la vaccinazione contro l'herpes zoster con il vaccino Shingrix® (2 dosi a distanza di 1-2 mesi):

- Persone sane tra i 65 e i 79 anni che desiderano ridurre il loro rischio di herpes zoster (vaccinazione supplementare)

- Pazienti di età compresa tra i 18 e i 79 anni che sono gravemente immunocompromessi o che stanno ricevendo, o riceveranno nel prossimo futuro, una terapia immunosoppressiva (vaccinazione del gruppo a rischio).

carnet de vaccination électronique

Non è mai troppo tardi per recuperare una o più vaccinazioni: non esitate a fare verificare il vostro libretto delle vaccinazioni da un professionista che saprà consigliarvi.

 

Grado di protezione del vaccino contro l’Herpes zoster

L'efficacia del vaccino Shingrix® contro l'herpes zoster, misurata da studi clinici randomizzati e controllati, è molto alta: 91% contro l'herpes zoster e 89% contro la nevralgia post erpetica su 16.596 partecipanti di età superiore ai 70 anni. L'efficacia è la stessa sopra i 50 anni (94%) o sopra i 70 anni (92%). Le stime di efficacia dopo che il vaccino è stato messo in commercio sono più basse (circa 68-70%), il che può essere dovuto alle differenze metodologiche e alle maggiori comorbidità nella popolazione valutata.

L'effetto protettivo si mantiene per anni (91% dopo un follow-up medio di 7,1 anni). 

In una meta-analisi (sponsorizzata da GSK), l'efficacia contro l'herpes zoster negli adulti sopra i 60 anni è stata del 92% per Shingrix® contro il 51% per Zostavax®. Questa differenza di efficacia aumenta per gli adulti a partire dai 70 anni (91% contro 37%) e riguarda anche la nevralgia post-herpes zoster.

 

Effetti collaterali noti del vaccino contro l’Herpes zoster

Il vaccino Shingrix®, che contiene l'adiuvante AS01B, è molto sicuro. Tuttavia, la reattogenicità è più alta rispetto alla maggior parte degli altri vaccini. Il dolore è il sintomo locale più comune (83%), seguito dal rossore (29%) e dal gonfiore (15%). I sintomi generali più comuni sono fatica (48%), dolore muscolare (41%), mal di testa (37%) e febbre (17%).


Pour en savoir plus :

PDF - Raccomandazioni per la vaccinazione contro l’herpes zoster («fuoco di Sant’Antonio»)

PDF - Évaluation de la vaccination contre le zona (herpès zoster) (2015)