InfoVac

InfoVac – la linea diretta dell’informazione sui vaccini e le vaccinazioni !

Sicurezza delle vaccinazioni ?

  • E' vero che i vaccini sono troppo numerosi ? +

    E' vero che i vaccini sono troppo numerosi?

    E' vero che i progressi scientifici degli ultimi 20 anni hanno permesso lo sviluppo di nuovi vaccini consentendo oggigiorno di proteggere i bambini più piccoli contro numerose malattie. Ma contare il numero di "immunizzazioni" non ha alcun senso! Nel 1960, erano necessari più di 7'000 antigeni (3'217 antigeni per i vaccini utilizzati pure negli Stati-Uniti più 4'000 antigeni per il BCG) per proteggere i bambini con i pochi vaccini che tutti rivendicavano. Nel 2004, lo sviluppo di vaccini purificati ha permesso di ridurre a meno di 50 il numero di antigeni necessari a questa protezione, permettendo comunque di proteggere contro un maggior numero di malattie.
    Referenza : Offit PA, Quarles J, Gerber MA, Hackett CJ, Marcuse EK, Kollman TR, et al. Addressing parents' concerns: do multiple vaccines overwhelm or weaken the infant's immune system? Pediatrics 2002; 109(1):124-9.
  • E' vero che la poliomielite avviene ancora in America e in Svizzera ... +

    E' vero che la poliomielite avviene ancora in America e in Svizzera come complicazione rara della vaccinazione?

    No. Da alcuni anni, questa affermazione non è più valida, dato che il vaccino orale vivo attenuato contro la poliomielite (il cui rischio di reversione verso un ceppo selvaggio era stimato a 1/750'000 – 1/2'000'000 di dosi) è stato sostituito da un vaccino inattivato sia in Svizzera che negli Stati-Uniti dal 2001. Nel nostro paese, il rischio di poliomielite come complicazione è quindi attualmente nullo.
    Referenze:
    John TJ. A developing country perspective on vaccine-associated paralytic poliomyelitis. Bull World Health Organ 2004; 82(1):53-7; discussion 7-8.

    Esteves K. Safety of oral poliomyelitis vaccine: results of a WHO enquiry. Bull World Health Organ 1988; 66(6):739-46.
  • Il vaccino contro l'influenza può provocare la sindrome di Guillain-Barré ? +

    Il vaccino contro l'influenza può provocare la sindrome di Guillain-Barré?

    E' vero, ma ingannevole perché anche molte persone non vaccinate possono presentare la sindrome di Guillain-Barré! Gli studi epidemiologici condotti per valutare la frequenza di paralisi ascendenti che insorgono dopo la vaccinazione contro l'influenza hanno dimostrato che 1) la vaccinazione contro l'influenza suina, iniziata nel 1976 per timore di una pandemia, aveva provocato un maggior rischio di 1 caso su 100'000 e 2) nessun vaccino contro l'influenza distribuito dopo il 1976 ha aumentato in modo significativo il rischio di sindrome di Guillain-Barré, anche se, in rari casi individuali, un'associazione non può essere esclusa.
    Referenza: Haber P, DeStefano F, Angulo FJ, Iskander J, Shadomy SV, Weintraub E, et al. Guillain-Barre syndrome following influenza vaccination. Jama 2004; 292(20):2478-81.
  • E' vero che i vaccini combinati sono meno ben tollerati in confronto ai vaccini separati ? +

    E' vero che i vaccini combinati sono meno ben tollerati in confronto ai vaccini separati?

    No, evidenze suggeriscono il contrario. Molti studi dimostrano una buona tolleranza dei vaccini a 3 (difterite–tetano–pertosse), a 4 (+ polio), a 5 (+ HiB) o anche a 6 (+ epatite B ) componenti.
    Referenze:
    Begue P, Stagnara J, Vie-Le-Sage F, Bernard JC, Xerri B Abitbol V. Immunogenicity and reactogenicity of a booster dose of diphtheria, tetanus, acellular pertussis and inactivated poliomyelitis vaccines given concurrently with Haemophilus type b conjugate vaccine or as pentavalent vaccine. Pediatr Infect Dis J 1997; 16(8):787-94.

    Mallet E, Belohradsky BH, Lagos R, Gothefors L, Camier P, Carriere JP, et al. A liquid hexavalent combined vaccine against diphtheria, tetanus, pertussis, poliomyelitis, Haemophilus influenzae type B and hepatitis B: review of immunogenicity and safety. Vaccine 2004; 22(11-12):1343-57.

    Zepp F, Knuf M, Heininger U, Jahn K, Collard A, Habermehl P, et al. Safety, reactogenicity and immunogenicity of a combined hexavalent tetanus, diphtheria, acellular pertussis, hepatitis B, inactivated poliovirus vaccine and Haemophilus influenzae type b conjugate vaccine, for primary immunization of infants. Vaccine 2004; 22(17-18):2226-33.

    Eskola J, Olander RM, Hovi T, Litmanen L, Peltola S Kayhty H. Randomised trial of the effect of co-administration with acellular pertussis DTP vaccine on immunogenicity of Haemophilus influenzae type b conjugate vaccine. Lancet 1996; 348(9043):1688-92.

    Kovel A, Wald ER, Guerra N, Serdy C Meschievitz CK. Safety and immunogenicity of acellular diphtheria-tetanus-pertussis and Haemophilus conjugate vaccines given in combination or at separate injection sites. J Pediatr 1992; 120(1):84-7.

    Decker MD. Principles of pediatric combination vaccines and practical issues related to use in clinical practice. Pediatr Infect Dis J 2001; 20(11 Suppl):S10-8.

    Knutsson N, Trollfors B, Taranger J, Bergfors E, Sundh V, Lagergard T, et al. Immunogenicity and reactogenicity of diphtheria, tetanus and pertussis toxoids combined with inactivated polio vaccine, when administered concomitantly with or as a diluent for a Hib conjugate vaccine. Vaccine 2001; 19(31):4396-403.

    Halperin SA, Smith B, Russell M, Hasselback P, Guasparini R, Skowronski D, et al. An adult formulation of a five-component acellular pertussis vaccine combined with diphtheria and tetanus toxoids is safe and immunogenic in adolescents and adults. Vaccine 2000; 18(14):1312-9.

    Miller MA, Meschievitz CK, Ballanco GA Daum RS. Safety and immunogenicity of PRP-T combined with DTP: excretion of capsular polysaccharide and antibody response in the immediate post-vaccination period. Pediatrics 1995; 95(4):522-7.

    Kaplan SL, Lauer BA, Ward MA, Wiedermann BL, Boyer KM, Dukes CM, et al. Immunogenicity and safety of Haemophilus influenzae type b-tetanus protein conjugate vaccine alone or mixed with diphtheria-tetanus-pertussis vaccine in infants. J Pediatr 1994; 124(2):323-7.

    Paradiso PR, Hogerman DA, Madore DV, Keyserling H, King J, Reisinger KS, et al. Safety and immunogenicity of a combined diphtheria, tetanus, pertussis and Haemophilus influenzae type b vaccine in young infants. Pediatrics 1993; 92(6):827-32.

    Watemberg N, Dagan R, Arbelli Y, Belmaker I, Morag A, Hessel L, et al. Safety and immunogenicity of Haemophilus type b-tetanus protein conjugate vaccine, mixed in the same syringe with diphtheria-tetanus-pertussis vaccine in young infants. Pediatr Infect Dis J 1991; 10(10):758-63.

    Halsey NA. Safety of combination vaccines: perception versus reality. Pediatr Infect Dis J 2001; 20(11 Suppl):S40-4.

    Lagos R, Kotloff K, Hoffenbach A, San Martin O, Abrego P, Ureta AM, et al. Clinical acceptability and immunogenicity of a pentavalent parenteral combination vaccine containing diphtheria, tetanus, acellular pertussis, inactivated poliomyelitis and Haemophilus influenzae type b conjugate antigens in two-, four- and six-month-old Chilean infants. Pediatr Infect Dis J 1998; 17(4):294-304.

     

  • E' vero che il mercurio, contenuto in passato nei vaccini, ... +

    E' vero che il mercurio, contenuto in passato nei vaccini, danneggia i nervi e i cromosomi, e che è associato a disturbi dello sviluppo, all'autismo e alla leucemia?

    No. Quest'affermazione non è corretta.

    Numerosi studi hanno dimostrato l'assenza di accumulo del tiomersal nell'organismo e l'assenza di complicazioni collegate alla sua presenza nei vaccini. Così, anche se il suo ritiro dai vaccini era benvenuto sul piano teorico, l'unico rischio identificato come associato al mercurio presente nei vaccini è un'ipersensibilità ritardata che si manifesta con una reazione infiammatoria sul punto d'iniezione nei 2-4 giorni seguenti la vaccinazione. Un rischio benigno, localizzato e transitorio.
    Referenze:
    Clements CJ. The evidence for the safety of thiomersal in newborn and infant vaccines. Vaccine 2004; 22(15-16):1854-61.

    Folb PI, Bernatowska E, Chen R, Clemens J, Dodoo AN, Ellenberg SS, et al. A global perspective on vaccine safety and public health: the Global Advisory Committee on Vaccine Safety. Am J Public Health 2004; 94(11):1926-31.

    Ball LK, Ball R Pratt RD. An assessment of thimerosal use in childhood vaccines. Pediatrics 2001; 107(5):1147-54.

    Parker SK, Schwartz B, Todd J Pickering LK. Thimerosal-containing vaccines and autistic spectrum disorder: a critical review of published original data. Pediatrics 2004; 114(3):793-804.

    Offit PA Jew RK. Addressing parents' concerns: do vaccines contain harmful preservatives, adjuvants, additives, or residuals? Pediatrics 2003; 112(6 Pt 1):1394-7.

     

  • E' vero che l'alluminio, presente nella composizione di certi vaccini, ... +

    E' vero che l'alluminio, presente nella composizione di certi vaccini, predispone alle allergie e alle malattie autoimmuni?

    No. Alcune osservazioni sembrano effettivamente indicare una relazione in questo senso. Ma gli studi, concepiti in modo da controllare i numerosi fattori che possono potenzialmente confondere i risultati, dimostrano che i vaccini in generale e i vaccini che contengono alluminio in particolare non aumentano né il rischio di allergia, né il rischio di malattie autoimmuni. L'impatto dei vaccini sul sistema immunitario è verosimilmente troppo mirato, debole e transitorio per influenzare dei processi complessi, controllati da numerosi meccanismi di regolazione.
    Referenze:
    Gruber C, Illi S, Lau S, Nickel R, Forster J, Kamin W, et al. Transient suppression of atopy in early childhood is associated with high vaccination coverage. Pediatrics 2003; 111(3):e282-8.

    DeStefano F, Gu D, Kramarz P, Truman BI, Iademarco MF, Mullooly JP, et al. Childhood vaccinations and risk of asthma. Pediatr Infect Dis J 2002; 21(6):498-504.

    Nilsson L, Kjellman NI Bjorksten B. Allergic disease at the age of 7 years after pertussis vaccination in infancy: results from the follow-up of a randomized controlled trial of 3 vaccines. Arch Pediatr Adolesc Med 2003; 157(12):1184-9.

    Nilsson L, Kjellman NI Bjorksten B. A randomized controlled trial of the effect of pertussis vaccines on atopic disease. Arch Pediatr Adolesc Med 1998; 152(8):734-8.

    Kuehni CE, Davis A, Brooke AM Silverman M. Are all wheezing disorders in very young (preschool) children increasing in prevalence? Lancet 2001; 357(9271):1821-5.

    Jefferson T, Rudin M Di Pietrantonj C. Adverse events after immunisation with aluminium-containing DTP vaccines: systematic review of the evidence. Lancet Infect Dis 2004; 4(2):84-90.

    Siegrist CA. [Vaccine adjuvants and macrophagic myofasciitis]. Bull Acad Natl Med 2003; 187(8):1511-8; discussion 9-21.

    Global Advisory Committee on Vaccine Safety, 20-21 June 2002. Wkly Epidemiol Rec 2002; 77(47):389-94.
  • E' vero che i vaccini dovrebbero essere rimandati al 2° anno di vita, ... +

    E' vero che i vaccini dovrebbero essere rimandati al 2° anno di vita per i bambini che hanno un rischio allergico?

    No. Non esiste alcun dato scientifico che stabilisce l'interesse di rimandare una vaccinazione al 2° anno di vita. Al contrario, è formalmente dimostrato che il rischio di meningite ad Hib o di pertosse è maggiore nel primo anno di vita.
    Referenza: Wortis N, Strebel PM, Wharton M, Bardenheier B Hardy IR. Pertussis deaths: report of 23 cases in the United States, 1992 and 1993. Pediatrics 1996; 97(5):607-12.
  • E' vero che i vaccini devono essere utilizzati con prudenza ... +

    E' vero che i vaccini devono essere utilizzati con prudenza nei bambini affetti da una sofferenza cerebrale o da un'epilessia?

    Il timore che la vaccinazione contro la pertosse possa rappresentare un rischio particolare per i bambini affetti da un'affezione neurologica è nato negli anni 1970 e persiste nella letteratura degli oppositori alla vaccinazione… anche se, da allora, diversi studi hanno dimostrato che non era vero! Se raccomandiamo di vaccinare questi bambini il più presto possibile, appena il loro stato neurologico risulta stabilizzato, è proprio per proteggere il loro potenziale neurologico, senza far correre loro il rischio di pertosse o di meningite.
    Referenze:
    Moore DL, Le Saux N, Scheifele D Halperin SA. Lack of evidence of encephalopathy related to pertussis vaccine: active surveillance by IMPACT, Canada, 1993-2002. Pediatr Infect Dis J 2004; 23(6):568-71.

    Goodman M, Lamm SH Bellman MH. Temporal relationship modeling: DTP or DT immunizations and infantile spasms. Vaccine 1998; 16(2-3):225-31.

    Gale JL, Thapa PB, Wassilak SG, Bobo JK, Mendelman PM Foy HM. Risk of serious acute neurological illness after immunization with diphtheria-tetanus-pertussis vaccine. A population-based case-control study. Jama 1994; 271(1):37-41.

    Cherry JD. 'Pertussis vaccine encephalopathy': it is time to recognize it as the myth that it is. Jama 1990; 263(12):1679-80.

    Griffin MR, Ray WA, Mortimer EA, Fenichel GM Schaffner W. Risk of seizures and encephalopathy after immunization with the diphtheria-tetanus-pertussis vaccine. Jama 1990; 263(12):1641-5.
  • E' vero che le vaccinazioni dovrebbero essere ritardate .... +

    E' vero che le vaccinazioni dovrebbero essere ritardate in caso di nascita prematura o complicata o in caso di disturbi dello sviluppo?

    No. Questo consiglio è pericoloso, perché sono precisamente gli ex-prematuri che nascono con un minor tasso di anticorpi materni, mettendoli così più precocemente a rischio di meningite e di pertosse (30 % di decessi negli ex-prematuri).

    E' vero che i grandi prematuri, nati prima di 32 settimane di gestazione e che sono ancora ospedalizzati all'età di 8 settimane, possono presentare pause respiratorie dopo la loro prima vaccinazione – come dopo qualsiasi intervento. Ma si bisogna anche precisare che questi piccoli prematuri sono vaccinati sotto costante sorveglianza cardiorespiratoria per minimizzare il rischio di complicazioni gravi
    Referenze:
    Wortis N, Strebel PM, Wharton M, Bardenheier B Hardy IR. Pertussis deaths: report of 23 cases in the United States, 1992 and 1993. Pediatrics 1996; 97(5):607-12.

    Leineweber B, Grote V, Schaad UB Heininger U. Transplacentally acquired immunoglobulin G antibodies against measles, mumps, rubella and varicella-zoster virus in preterm and full term newborns. Pediatr Infect Dis J 2004; 23(4):361-3.

    Nagao AT, Costa-Carvalho BT, Arslanian C, Sole D, Naspitz C Carneiro-Sampaio MM. Placental transfer of IgG antibodies against Haemophilus influenzae type b capsular polysaccharide in Brazilian term and preterm newborns. J Trop Pediatr 1999; 45(3):171-3.

    Saari TN. Immunization of preterm and low birth weight infants. American Academy of Pediatrics Committee on Infectious Diseases. Pediatrics 2003; 112(1 Pt 1):193-8.

    Pfister RE, Aeschbach V, Niksic-Stuber V, Martin BC Siegrist CA. Safety of DTaP-based combined immunization in very-low-birth-weight premature infants: frequent but mostly benign cardiorespiratory events. J Pediatr 2004; 145(1):58-66.
  • E' vero che i vaccini possono provocare un diabete ? +

    E' vero che i vaccini possono provocare un diabete?

    No. Questa affermazione è falsa. Numerosi studi controllati hanno esaminato questo importante punto interrogativo e hanno dimostrato l'assenza di causalità delle vaccinazioni nell'eziologia del diabete.
    Referenze:
    Hviid A, Stellfeld M, Wohlfahrt J Melbye M. Childhood vaccination and type 1 diabetes. N Engl J Med 2004; 350(14):1398-404.

    Black SB, Lewis E, Shinefield HR, Fireman B, Ray P, DeStefano F, et al. Lack of association between receipt of conjugate haemophilus influenzae type B vaccine (HbOC) in infancy and risk of type 1 (juvenile onset) diabetes: long term follow-up of the HbOC efficacy trial cohort. Pediatr Infect Dis J 2002; 21(6):568-9.

    Belloni C, Avanzini MA, De Silvestri A, Martinetti M, Pasi A, Coslovich E, et al. No evidence of autoimmunity in 6-year-old children immunized at birth with recombinant hepatitis B vaccine. Pediatrics 2002; 110(1 Pt 1):e4.
    DeStefano F. Vaccines and autism. Pediatr Infect Dis J 2001; 20(9):887-8.
    Karvonen M, Cepaitis Z Tuomilehto J. Association between type 1 diabetes and Haemophilus influenzae type b vaccination: birth cohort study. Bmj 1999; 318(7192):1169-72.
  • E' vero che i vaccini potrebbero essere responsabili dell'autismo ? +

    E' vero che i vaccini potrebbero essere responsabili dell'autismo?

    No. Numerosi sono gli studi che dimostrano l'assenza di qualsiasi legame di casualità tra il numero dei vaccini ricevuti nell'infanzia o i vaccini MOR e l'autismo.
    Referenze:
    DeStefano F. Vaccines and autism. Pediatr Infect Dis J 2001; 20(9):887-8.
    Jefferson T, Price D, Demicheli V Bianco E. Unintended events following immunization with MMR: a systematic review. Vaccine 2003; 21(25-26):3954-60.
    Stehr-Green P, Tull P, Stellfeld M, Mortenson PB Simpson D. Autism and thimerosal-containing vaccines: lack of consistent evidence for an association. Am J Prev Med 2003; 25(2):101-6.
    Halsey NA Hyman SL. Measles-mumps-rubella vaccine and autistic spectrum disorder: report from the New Challenges in Childhood Immunizations Conference convened in Oak Brook, Illinois, June 12-13, 2000. Pediatrics 2001; 107(5):E84.
  • E' vero che i vaccini privano il bambino di malattie infantili utili al suo sviluppo psicomotorio ? +

    E' vero che i vaccini privano il bambino di malattie infantili utili al suo sviluppo psicomotorio?

    Questa affermazione classica dell'ideologia naturopatica si basa sull'osservazione che " … una malattia superata rappresenta, soprattutto per il bambino piccolo, un'esperienza importante spesso seguita da un balzo nello sviluppo sia fisico che psichico. " Effettivamente non è raro che si riporti questo tipo di osservazione. Nello stesso tempo, non è raro che i bambini si mettano a camminare dopo un vaccino morbillo-orecchioni-rosolia a 12 mesi o si mettano a parlare dopo i richiami somministrati intorno ai 18 mesi… per semplice coincidenza temporale. Non abbiamo conoscenza di studi controllati che paragonino lo sviluppo neuromotorio o affettivo di bambini vaccinati con quelli non vaccinati. Noi pediatri sappiamo tuttavia che le occasioni di malattie durante l'infanzia, di febbre, e quindi potenzialmente di sviluppo non mancano nei bambini vaccinati !
  • E' vero che i vaccini aumentano la vulnerabilità alle malattie gravi ? +

    E' vero che i vaccini aumentano la vulnerabilità alle malattie gravi ?

    No. Non abbiamo conoscenza di studi controllati che sostengono questa affermazione. Se questa ipotesi fosse vera, studi controllati dovrebbero averlo dimostrato. Lo stesso vale per le ipotesi che sostengono che le malattie infantili proteggono dai cancri (delle ovaie in particolare), dalle allergie o dalle malattie autoimmuni.

    Però è stato stabilito con certezza che le vaccinazioni proteggono contro malattie gravi !
  • E' vero che esistono forti sospetti di causalità ... +

    E' vero che esistono forti sospetti di causalità tra la vaccinazione contro la pertosse e l'apparizione, più tardi, di malattie allergiche?

    No. Gli studi prospettivi realizzati in Svezia che hanno seguito bambini vaccinati contro difterite-tetano con o senza la vaccinazione contro la pertosse non hanno messo in evidenza nessun aumento del rischio di allergia!
    Referenze:
    Nilsson L, Kjellman NI Bjorksten B. Allergic disease at the age of 7 years after pertussis vaccination in infancy: results from the follow-up of a randomized controlled trial of 3 vaccines. Arch Pediatr Adolesc Med 2003; 157(12):1184-9.
    Nilsson L, Kjellman NI Bjorksten B. A randomized controlled trial of the effect of pertussis vaccines on atopic disease. Arch Pediatr Adolesc Med 1998; 152(8):734-8.
  • E' vero che un'analisi critica di un estesa ricerca finlandese ... +

    E' vero che un'analisi critica di un estesa ricerca finlandese ha dimostrato che un bambino su 1'700 poteva sviluppare un diabete giovanile in seguito a vaccinazioni Hib ripetute?

    E' falso. I dati precisi degli autori di questa ricerca hanno chiaramente dimostrato che la vaccinazione Hib non è assolutamente responsabile dell'aumento dei casi di diabete che accadono sfortunatamente in tutti i paesi industrializzati, per ragioni ancora difficili da stabilire.
    Referenza: Black SB, Lewis E, Shinefield HR, Fireman B, Ray P, DeStefano F, et al. Lack of association between receipt of conjugate haemophilus influenzae type B vaccine (HbOC) in infancy and risk of type 1 (juvenile onset) diabetes: long term follow-up of the HbOC efficacy trial cohort. Pediatr Infect Dis J 2002; 21(6):568-9.
  • E' vero che il vaccino MOR è sospettato di provocare in rari casi, ... +

    E' vero che il vaccino MOR è sospettato di provocare in rari casi un'infiammazione intestinale cronica con una forma specifica di autismo?

    Si, il vaccino è stato sospettato in seguito ad accuse… dimostrate poi senza fondamento da molteplici studi, i quali provano che il rischio di contrarre un'enterocolite con autismo non è superiore nei bambini già vaccinati con il vaccino morbillo-orecchioni-rosolia paragonati ad altri non ancora vaccinati.
    Referenze:
    Jefferson T, Price D, Demicheli V Bianco E. Unintended events following immunization with MMR: a systematic review. Vaccine 2003; 21(25-26):3954-60.
    Klein KC Diehl EB. Relationship between MMR vaccine and autism. Ann Pharmacother 2004; 38(7-8):1297-300.
    Offit PA Coffin SE. Communicating science to the public: MMR vaccine and autism. Vaccine 2003; 22(1):1-6.
    Strauss B Bigham M. Does measles-mumps-rubella (MMR) vaccination cause inflammatory bowel disease and autism? Can Commun Dis Rep 2001; 27(8):65-72.
  • E' vero che gli studi dimostrano che gli adulti che non hanno contratto ... +

    E' vero che gli studi dimostrano che gli adulti che non hanno contratto le malattie infantili durante la loro infanzia sono più spesso colpiti da malattie gravi come il cancro, la sclerosi multipla o da disturbi del sistema immunitario?

    No. Né le conoscenze fisiopatologiche né gli studi epidemiologici controllati sostengono l'ipotesi di un ruolo protettore del morbillo contro il cancro o la sclerosi multipla. Quindi si tratta di una pura ipotesi o di una convinzione ma non di un'evidenza.

  • E' vero che non si può escludere che il virus del vaccino della rosolia ... +

    E' vero che non si può escludere che il virus del vaccino della rosolia sia trasmesso ad altre persone, e che ciò rappresenta un serio pericolo per una donna incinta facendo parte dell'entourage?

    E' falso. Nessun dato suggerisce che un bambino vaccinato in contatto con una donna incinta possa costituire un pericolo: non è pericolosa neanche la vaccinazione somministrata per errore, a una donna la cui gravidanza non è conosciuta o segnalata al momento del vaccino!

    Al contrario: il pericolo per una donna in stato di gravidanza è quello di essere in contatto con un bambino contagioso, che non sarebbe stato vaccinato o perché si tratta di un ragazzo o perché si tratta di una ragazza che non ha ancora compiuto i 12 anni
    Referenza: From the Centers for Disease Control and Prevention. Revised ACIP recommendation for avoiding pregnancy after receiving a Rubella-containing vaccine. Jama 2002; 287(3):311-2.
  • E' vero che, come per il morbillo e gli orecchioni, ... +

    E' vero che, come per il morbillo e gli orecchioni, gli indici di una relazione tra assenza di rosolia o infezione contratta tardivamente moltiplicano le probabilità di avere un cancro o una sclerosi multipla?

    Non conosciamo questi « indici » che non sono riportati negli studi epidemiologici controllati pubblicati nella letteratura medica e scientifica.

    Alla luce delle evidenze oggi disponibili, l'ipotesi di un effetto protettore della rosolia contro il cancro o la sclerosi multipla sembra estremamente improbabile
  • E' vero che in Francia, in seguito ad effetti collaterali inattesi, ... +

    E' vero che in Francia, in seguito ad effetti collaterali inattesi, la vaccinazione sistematica degli adolescenti contro l'epatite B è stata interrotta?

    Non è esatto. Nel 1998 è stata interrotta solo la vaccinazione in ambito scolastico, perché i medici potessero rispondere meglio alle preoccupazioni dei genitori allarmati dalla stampa.

    Attualmente, e malgrado le polemiche, le autorità francesi continuano a raccomandare la vaccinazione dei lattanti e il recupero vaccinale degli adolescenti
    !
  • Rischiare ogni anno dai 5 ai 20 nuovi casi di complicazioni neurologiche gravi ... +

    « Rischiare ogni anno dai 5 ai 20 nuovi casi di complicazioni neurologiche gravi e dai 3 ai 10 casi di diabete giovanile a causa del vaccino contro l'epatite B sembra inaccettabile. »

    Questa affermazione sarebbe effettivamente inaccettabile se fosse vera !

    Ma fino ad oggi, nessun dato ha sostenuto la tesi di un'associazione tra vaccinazione contro l'epatite B e diabete insulinodipendente, e 10 studi tra gli 11 disponibili hanno concluso all'assenza di associazione con complicazioni neurologiche come la sclerosi multipla.

    E' accertato invece che la vaccinazione degli adolescenti contro l'epatite B ha già permesso, dal momento della sua introduzione in Svizzera, una diminuzione spettacolare dei casi di epatite B senza il minimo segnale di un'eventuale associazione con complicazioni neurologiche o diabete.
    Referenze:
    Belloni C, Avanzini MA, De Silvestri A, Martinetti M, Pasi A, Coslovich E, et al. No evidence of autoimmunity in 6-year-old children immunized at birth with recombinant hepatitis B vaccine. Pediatrics 2002; 110(1 Pt 1):e4.
    DeStefano F. Vaccines and autism. Pediatr Infect Dis J 2001; 20(9):887-8.
    Duclos P. Safety of immunisation and adverse events following vaccination against hepatitis B. Expert Opin Drug Saf 2003; 2(3):225-31.
    Demicheli V, Rivetti A, Di Pietrantonj C, Clements CJ Jefferson T. Hepatitis B vaccination and multiple sclerosis: evidence from a systematic review. J Viral Hepat 2003; 10(5):343-4.
    Merelli E Casoni F. Prognostic factors in multiple sclerosis: role of intercurrent infections and vaccinations against influenza and hepatitis B. Neurol Sci 2000; 21(4 Suppl 2):S853-6.
    Vaccination des adolescents contre l’hépatite B en Suisse: impact important sur l’incidence de la maladie dans le groupe d’âge concerné. Bulletin de l'Office Fédéral de la Santé Publique (OFSP) 2004; 49:923-31.
  • 1